Le teorie psicologiche riguardanti i bisogni (consci e inconsci) e le pulsioni che animano l’uomo sono da sempre moltissime. Studiosi come Freud, Bowlby, Pavlov, Bandura e molti altri vi hanno dedicato interi testi, ma esiste una teoria, nota come la Piramide di Maslow, incentrata proprio sui 6 bisogni fondamentali suddivisi gerarchicamente in base al livello di importanza. In essa sono racchiusi tutti i fattori esterni e interni che influenzano e motivano determinati comportamenti assunti da un individuo.

In questo articolo approfondiremo l’argomento, parlando della Piramide di Maslow e descrivendo nel dettaglio tutti i 6 bisogni che la compongono!

Piramide di Maslow

Foto by Lucas ✉ (ispirata da Maslow’s Hierachy of Needs)) [Public domain], from Wikimedia Commons.

Piramide di Maslow: motivazione e personalità

Abraham Maslow ha descritto la “gerarchia dei bisogni” nel libro intitolato Motivazione e Personalità, inserendola però poi anche in uno dei suoi testi più importanti: Verso una psicologia dell’essere.

Si tratta di una vera e propria piramide dei bisogni, appunto, dove dalla base alla punta si dispiegano varie tipologie di bisogni, da quelli più essenziali fino ad arrivare ai più complessi, astratti. L’insieme dei bisogni e dei desideri legati a ogni singolo comportamento umano giustifica un’azione, e viene perciò identificato con il termine “motivazione”.

Quali sono i 6 bisogni fondamentali secondo Maslow?

Ma veniamo al punto: quali sono i 6 bisogni fondamentali secondo Maslow, e qual è il loro ordine gerarchico all’interno della Piramide? Scopriamoli insieme qui di seguito:

  1. I bisogni fisiologici, quelli più basilari come sonno, sete e fame, si manifestano per primi.
  2. Fanno poi il loro esordio i bisogni legati alla sicurezza, ovvero quei bisogni che spingono un individuo a ricercare contatto fisico, protezione.
  3. Cominciano poi a farsi spazio il bisogno di amore e appartenenza, legati a sentimenti come l’amicizia, l’innamoramento e dove trovano largo spazio anche le pulsioni sessuali.
  4. Troviamo poi il bisogno di riconoscimento, di ottenere la stima e l’approvazione altrui per i nostri comportamenti. Fondamentali per la definizione della propria autostima in tutte le sue sfaccettature, tali bisogni ci accompagneranno per sempre.
  5. I bisogni di auto-realizzazione giustificano tutte quelle tipologie di comportamento volte a esprimere noi stessi, la nostra creatività e le nostre potenzialità, con l’obiettivo di trovare il nostro posto nel mondo e comprendere meglio come siamo fatti.
  6. Ma in verità esiste anche un sesto, invisibile, livello nella Piramide, dove troviamo collocati i bisogni di trascendenza. Rappresentano la nostra parte spirituale.

Pur essendo stata elaborata negli anni ’50, la Piramide di Maslow è tuttora fortemente sfruttata e considerata per la sua indiscussa veridicità. Consultarla può aiutarci a capire quale bisogno si cela dietro un nostro comportamento in un determinato momento della vita, cosa ci spinge ad agire e come lavorare su noi stessi.