Sicurezza sul lavoro: dai modelli organizzativi ai sistemi di gestione

Sicurezza sul lavoro: dai modelli organizzativi ai sistemi di gestione

La sicurezza sul lavoro e la salute dei lavoratori in Italia sono regolamentate dal decreto legislativo n. 81 del 2008.  Il testo unico racchiude tutte le normative utili sul luogo di lavoro e nello specifico hanno un’elevata importanza gli articoli 30 e 51.

In questo articolo approfondiamo la conoscenza dei suddetti articoli che riguardano l’importanza dei modelli organizzativi e dei sistemi di gestione per la prevenzione sul luogo di lavoro.

Lo scopo è quello di capire meglio l’ambito di applicazione di tali articoli al fine di comprendere appieno come deve avvenire la corretta gestione della sicurezza e della salute dei lavoratori.

Articolo 30 del D. Lgs. 81/2008

L’articolo 30, nella parte che riguarda i sistemi di gestione “adottati ed efficacemente attuati” ci riporta al decreto legislativo n. 231/2001, precisamente all’art. 6, punto a. Tuttavia le caratteristiche dei sistemi di gestione non rientrano tra quelli definiti dal decreto del 2001, che non precisa quali siano i modi per implementare un modello o un sistema di gestione. Il decreto 231 sostiene come questi modelli di gestione debbano essere “idonei a prevenire reati”.

Inoltre devono contemplare l’obbligo di formazione per l’organismo preposto al controllo sul funzionamento dei vari modelli e un sistema che sanzioni in caso non vengano rispettate le misure previste dal modello.

Un altro chiarimento necessario è quello relativo alla modifica di ciò che prevede il comma 5 dell’art 30 del D. Lgs. n. 81/2008. Il comma stabilisce che la conformità dei modelli organizzativi e dei sistemi di gestione sia limitata alle “Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)” del 28/09/2001 e al British Standard OHSAS 18001:2007.

Per quanto concerne l’ambito ISO, la UNI ISO 45001 (scopri quali sono i vantaggi di questa certificazione) emanata la prima volta nel 2018, dallo scorso 21 marzo 2021 ha sostituito la OHSAS 18001 che riguarda la sicurezza sul lavoro.

A questo punto non risultano più efficaci tutti quei sistemi di gestione che erano conformi alla OHSAS 18001. La Commissione ex art 6 del D. Lgs. 81/2008 dovrebbe riconoscere l’efficacia esimente della UNI ISO 45001. Questo è quello che auspicano alcuni parti del settore economico in modo da rendere possibile il riconoscimento dell’esimente della responsabilità penale dell’impresa in caso di infortunio grave o mortale.

Articolo 51 del D. Lgs. 81/2008

Un’altra incongruenza sorge se si raffronta l’art 30 con ciò che prevede l’art 51, comma 3-bis del D. Lgs. 81/08. In questa parte emerge come gli organi paritetici possano perseguire “l’adozione ed efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza di cui all’articolo 30 del decreto”.

Potrebbe anche venir meno l’imparzialità dell’azione amministrativa, principio fondamentale per quanto riguarda il funzionamento corretto della Pubblica Amministrazione. Ciò rischia di accadere se gli organismi paritetici per la programmazione delle attività, tengono conto delle aziende di cui hanno asseverato il sistema di gestione.

Modello organizzativo

Comprende tutti quei comportamenti e quegli aspetti tecnici e strategici che un’azienda utilizza per dare vita alla sua produzione, in tutti i settori del business. Il modello organizzativo racchiude inoltre le caratteristiche etiche, deontologiche, culturali dell’impresa e le finalità commerciali che le appartengono.

Da un modello organizzativo principale si dipartono poi dei sotto sistemi utili per il funzionamento dei vari reparti interni, ognuno con le proprie prerogative. Il ciclo produttivo aziendale unitamente al modello organizzativo derivano dai vari sistemi che riguardano la gestione del personale, la sicurezza sul lavoro, l’ambiente, la contabilità e altre attività.

Sistema di gestione

Per i diversi processi produttivi all’interno dell’impresa l’azienda deve creare delle specifiche attività necessarie al buon andamento del lavoro stesso. Per farlo deve rispettare le normative vigenti a livello statale ma anche i regolamenti interni che si è data. Il sistema di gestione è il modo con il quale l’azienda controlla l’andamento della sua attività. Lo rende poi visibile a terzi esterni, raggiungendo gli obbiettivi prefissati attraverso le strategie che si era imposta.

Le due voci sono strettamente correlate ma diverse tra loro. Il modello organizzativo rende l’idea di uno schema fisso e statico che appartiene all’azienda. Il sistema di gestione ricorda invece qualcosa di più dinamico e in movimento, che si genera tra l’interazione delle attività e la produzione dell’impresa.

Conclusioni

L’aspetto più importante in questo ambito rimane sempre quello della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori. Per questo ogni componente del sistema, a partire dai Ministeri vigilanti, agli organismi di vigilanza e fino al datore di lavoro devono sempre controllare e gestire al meglio le attività di vigilanza.

Si tratta di una materia complessa che va trattata in maniera professionale, nonostante siano molteplici le possibilità di diversa interpretazione dei regolamenti vigenti.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi