Lavorare in Australia è un qualcosa di molto soddisfacente e appagante: i rapporti coi colleghi e lo stress derivante sono infatti molto diversi rispetto a quelli che si hanno in Italia. Se quindi siete altamente specializzati lavorare in questa enorme isola è veramente un paradiso per qualsiasi persona.

Prima però di poter trovare una mansione avete bisogno di un visto lavoro per l’Australia. Senza di questo non potrete accedere nel Paese. Nel caso in cui invece possediate un visto per lo studio vi sarà invece negato il poter lavorare pena l’espulsione immediata.

In Australia esistono fondamentalmente tre tipi diversi di contratti lavorativi:

Contratto casual: si tratta del tipico contratto di chi non ha alcun tipo di qualifica: vi darà accesso ad un lavoro molto temporaneo come per esempio fare il cameriere, barista, raccoglitore di frutta e tanti altri. Questo tipo di contratto permette al datore di lavoro di lasciarvi a casa senza bisogno di alcun preavviso, non esistono giorni di malattia pagata né ferie, non c’è una durata minima o massima.

Contratto a tempo determinato: è l’equivalente australiano di quello che esiste in Italia. La sua durata può andare dai 3 mesi fino ai due anni. Permette di avere giorni di malattia e ferie pagate. In genere sono contratti usati per coloro che possiedono i Working Holiday Visa, ossia in genere gli studenti internazionali.

Contratti a tempo indeterminato: sono ovviamente i più ambiti, danno stabilità e un posto fisso proprio come in Italia. In genere questo tipo di contratto segue dopo un periodo di tempo determinato ma ciò può variare da settore di impiego a settore.

Poi ci sono i contractors cioè quelli che vengono assunti per far fronte ad una carenza di personale, si ha la fortuna di essere pagati un 20% in più rispetto al salario base per quella mansione.

Curriculum Vitae

Per trovare un lavoro nel paese dei canguri è utile avere un buon curriculum vitae. Esso deve essere specifico e ovviamente essere redatto in un inglese impeccabile. Ovviamente non vi servirà se il vostro sogno è quello di girovagare per  l’Australia lavorando come braccianti agricoli: in questi casi vi basterà presentarvi al contadino e verrete subito assunti.

Ma come deve essere il vostro cv? Innanzitutto sappiate che in Australia viene chiamato Resume. Un buon curriculum deve avere una lunghezza minima di una pagina ed essere ben dettagliato. Deve essere il più chiaro e schematico possibile con la presenza di parole chiave che catturino subito il lettore. Ovviamente per ogni settore il cv è differente, consiglio sempre però di inserire i seguenti dati: generalità e titoli di studio, storia lavorativa pregressa, abilità nella programmazione o nell’uso di particolari software, interessi. Molto utile è allegare anche una lettera di presentazione magari redatta da un precedente datore di lavoro.

Trovare lavoro in Australia

Prima di tutto dovete pensare di recarvi in loco, sarà per voi molto più facile effettuare la ricerca. Secondo dovete entrare nell’ottica di una mentalità differente: quella australiana! Siate pronti e provateci sempre, ricordate che dovete essere padroni della lingua.

Vi consiglio di recarvi nelle agenzie interinali se avete grande esperienza in qualche settore e vi trovate già in Australia altrimenti potrebbe essere una perdita di tempo. Effettuate ricerche online, è questo il metodo migliore per trovare un buon posto di lavoro. Presentatevi sempre di persona e cogliete al balzo qualsiasi opportunità vi si presenti davanti.