Vuoi fare una vacanza e ti piace correre? Venezia è il posto che fa per te. Di @idranaz81

Correre è una passione, un hobby, un modo per restare in forma? Certo. Correre è tutto questo, ma può anche diventare un mestiere. Lo sanno bene Roberto Marin e Giulia Abruzzese, due esperti runner di Venezia che un anno fa hanno deciso di trasformare in un lavoro i loro allenamenti quotidiani lungo le calli e le fondamenta della città sull’acqua.
È una loro idea, infatti, il progetto “Venice by Run“, che promuove il turismo sano, sportivo e sostenibile nella città più bella del mondo. Con le prime luci dell’alba o con le sfumature del tramonto, Roberto e Giulia invitano i turisti a scoprire Venezia correndo, nei due momenti della giornata in cui il centro storico è silenzioso e poco affollato.

“Ogni corsa è accompagnata da approfondimenti, racconti e aneddoti sulla città – spiega Roberto Marin, guida turistica qualificata – Andiamo a prendere i turisti all’ingresso dei loro hotel, alloggi, o stabiliamo un punto di ritrovo per poi raggiungere zone interessanti e poco conosciute della città“.

Venice_by_run

Sul sito www.venicebyrun.it – in inglese, perché rivolto specialmente ai turisti stranieri – chiunque può prenotare facilmente il proprio tour in scarpe da ginnastica. Ce ne sono di sei tipi diversi e vi possono partecipare singoli, coppie o gruppi di massimo sei-dieci persone.

“Durante i nostri tour non usiamo né acquistiamo bottiglie d’acqua – spiegano Roberto Marin e Giulia Abruzzese – Per rinfrescarci abbiamo molte fontane comunali con acqua potabile a nostra disposizione”. E, anche per questo, Venice by Run è un progetto ecologico e sostenibile. Uno dei tour proposti dai runner veneziani, include proprio un itinerario dove le tappe sono le fontane storiche di Venezia.

“Il nostro obiettivo è far conoscere ai turisti una Venezia diversa, insolita, poco nota. E far capire che la nostra è una città in cui si può fare sport promuovendo la cultura e la storia millenaria di questa città”, aggiunge Roberto Marin.

Fra le mete di corsa di Venice by Run ci sono l’Arsenale, i campi meno conosciuti, i sestieri (quartieri) più popolari e, naturalmente, anche gli immancabili tour che portano in Piazza San Marco e a Rialto, i veri simboli architettonici della città. Tutti i dettagli si trovano cliccando qui.

 

 


Ci sono anche tre tour speciali:

1) Il Tour Biathlon, che alla corsa unisce un emozionante tour in kayak lungo i canali di Venezia;

2) Il Tour Duathlon, che mette insieme la corsa e la voga alla veneta;

3) Il Trail Tour, che porta i turisti-runners alla scoperta delle isole e delle bellezze naturalistiche della laguna veneziana.

“In un anno abbiamo corso con runners provenienti da tutto il mondo, abbiamo stretto collaborazioni con aziende, strutture alberghiere e altre realtà turistiche, condividendo la crescente richiesta da parte dei visitatori di scoprire i luoghi, in particolare le città d’arte, in un modo non convenzionale, lontano dal turismo di massa e allo stesso tempo prestando attenzione al benessere mentale e fisico”, spiegano i due fondatori di Venice by Run.

 

“Attraverso l’utilizzo dei diversi canali social abbiamo creato un network tra le persone che hanno partecipato ai running tour proposti, per interagire e far conoscere ad altri la propria esperienza – aggiungono – La nostra individuale passione per la corsa si è concretizzata in un’iniziativa di turismo sostenibile e consapevole, che permette ai visitatori di essere protagonisti conoscitori del luogo in cui si trovano, della sua storia ma anche degli aspetti legati alla quotidianità.”Per informazioni: www.venicebyrun.com
Scritto da Silvia Zanardi
Felicemente giornalista professionista freelance, mette la libertà di movimento al primo posto. A Venezia, ha fondato il blog storiedichi.com per raccontare storie di persone che fanno bene il proprio mestiere. Ogni momento è buono per prendere un aereo, ma ritiene che i viaggi migliori siano quelli che facciamo in "casa": nelle periferie delle nostre città e, soprattutto, dentro noi stessi.

Lascia Un Commento