Un viaggio onirico nel mondo di EleoLab, l’artigiana fiorentina dei fiori di stoffa. Di @eleciambe

Un’insegna futurista fa da cornice ad una vetrina che richiama la dimensione onirica e sospesa del simbolismo, uno spazio dove entrare in punta di piedi e uscirne in sella ad un destriero.

Tutto questo è EleoLab, il laboratorio fiorentino di Eleonora Marchi.

Sin da piccola Eleonora dimostra interesse per l’arte e una spiccata manualità, cimentandosi da autodidatta in varie attività come il cucito, il disegno e la creazione di accessori. Frequenta, all’Università di Firenze, il corso di laurea in Cultura e Stilismo della Moda con indirizzo “costume per lo spettacolo”, approfondendo così la conoscenza dei materiali, della storia del costume, della moda e delle arti applicate.eleolab10

Inizia ad appassionarsi all’arte della modisteria in seguito ad un lavoro eseguito per la Galleria del Costume di Firenze, in cui ha l’opportunità di catalogare il lascito di una storica modisteria fiorentina. Lavora poi all’Archivio di Giovan Battista Giorgini (conservato all’Archivio di Stato di Firenze), l’organizzatore delle sfilate di palazzo Pitti, continuando a maturare interesse ed esperienza nell’ambito del gusto e dello stile.

Incuriosita dal lavoro di due anziane artigiane, ha sete di apprendere l’arte dei fiori di seta e di tessuto, restandone così tanto affascinata da decidere di riportare a nuovo una maestria antica e ormai in disuso.

eleolab1

Nel giro di pochi mesi nasce così EleoLab, un laboratorio in cui Eleonora esibisce ii “ferri” del mestiere di un’attività in estinzione, quella di fiorista, che ha traghettato sapientemente nel terzo millennio. Stampi e utensili metallici, alcuni fuori produzione da oltre quarant’anni, sono i suoi compagni di viaggio, dei quali, con invidiabile maestria, tutt’oggi si serve per ritagliare e comporre le singole parti, come petali o foglie, in seta o altri materiali, la base delle sue straordinarie e originalissime creazioni.

Eleonora compone acconciature, cappellini, borse, cover, abbigliamento intimo e una linea di abiti femminili, lavorando su commissione o semplicemente seguendo l’ispirazione. In questi oggetti si ritrovano richiami al passato, alla natura, si percepisce il gusto per l’elegante accostamento di colori, per la ricerca di materiali sempre nuovi da abbinare, che rendano unica questa geniale concretizzazione di idee.

 

Da Eleolab non ci si reca soltanto per festeggiare giorni speciali: le clienti di Eleonora amano decorare ogni appuntamento della loro vita in modo assolutamente particolare…e l’atelier in Via Arnolfo 11/r a Firenze è davvero una garanzia.

Entrare in questa atmosfera fantastica è un’esperienza sensoriale che coinvolge anima e corpo, che permette di lasciarsi alle spalle il frenetico trantran quotidiano e impone di fermarsi, per ascoltare con gli occhi lo scintillio dei petali e il fascino delle colorate composizioni floreali. Delicatezza e morbidezza, ironia e divertimento, curiosità e fantasia: nel laboratorio fiorentino di Eleonora sembra davvero di vivere nel mondo del Piccolo Principe.

Scritto da Eleonora Ciambellotti
Storica dell'arte per passione e blogger di professione. Ultimamente assessore di un piccolo-grande comune toscano di 45.000 abitanti. Interessi: letteratura, teatro, cinema e Fiorentina!

Lascia Un Commento