La super stampante 3D che costruisce case, storia di un’eccellenza tutta italiana, di @Trumphy

La stampante 3D più grande del mondo per realizzare case in argilla non è più solo un progetto di ricerca, ma una realtà tutta italiana.

wasp-big-delta-3d-printer-9-970x647-c

Il papà di questa enorme stampante è WASP, azienda ravennate leader nel mondo della stampa 3D.

La vocazione del gruppo è manifesta già nel nome, acronimo di World’s Advanced Saving Project.

 

La mission del WASP Project infatti è tanto lineare quanto complessa: creare prodotti vendibili e utili allo sviluppo di un’economia dal basso, partendo dalla ricerca e dalla conoscenza condivisa.

xwasp-case

Il fondatore di Wasp, Massimo Moretti, spiega come anche il processo che ha portato alla costruzione di Big Delta sia una storia fatta di continui investimenti e ricerca con i fondi ricavati dalla vendita delle stampanti più piccole, che hanno un bacino di acquirenti di “makers e hobbisti”.

image

Moretti si è lanciato nell’audace impresa di costruire una stampante che potrebbe rivoluzionare l’economia, ma che di fatto ancora non ha un mercato.

L’intento è quello di creare un ecosistema di autoproduzione sostenibile, credendo a fondo nella filosofia della Maker Economy (tutto può essere autoprodotto) e basandosi su un sistema di opportunità e meritocrazia.

“Quando tutti hanno la possibilità di costruirsi una casa non esistono né assistenzialismo né privilegi.”

La speranza è che quella che il WASP Project chiama “realtà del sogno” si realizzi presto nel concreto e che la crescente necessità di abitazioni a basso costo, nei paesi in via di sviluppo e non, venga davvero colmata con la stampa di case ecosostenibili e a km 0.

Scritto da Chiara Trombetta
Giornalista professionista e information designer. Una laurea in scienze e tecnologie della comunicazione prima e un master in giornalismo dopo. Appassionata e studiosa di nuovi media, tecnologia e comunicazione, ho collaborato con diverse testate online italiane. Mi occupo inoltre di realizzazione di video, infografiche per il web e per la stampa e architettura dell'informazione.

There is one comment

  1. Anto Villa

    Non conoscevo la realtà di WASP. È molto interessante e seguirò questa società in futuro. Sarebbe interessante avere altre info. Chiara Trombetta, con la quale mi congratulo per questo articolo, potrebbe pubblicare altre info al riguardo?

Lascia Un Commento