BSBEERS: Ironia e design, luppolo e creatività made in Brescia.

Ci sono tre tedeschi e un indiano al bancone di un bar. Mi guardano, ammiccano, sorridono, ognuno con un differente modo di fare. No, non è una barzelletta e non è nemmeno un film di Wes Anderson. Mi trovo in centro a Brescia, spaparanzato comodo su dei divani di pelle nera, stanco per la giornata lavorativa appena conclusa, in compagnia di due ragazzi gentili e di bell’aspetto. Quei tipi irriverenti che mi guardano dal bancone li hanno portati loro: ne hanno a che fare da qualche tempo e a quanto pare vi si sono affezionati molto. A dire il vero, sono una loro creazione e faticherei ad immaginare il contrario.

Me li presentano: si chiamano Hermann, Marlene, Otto e Kabir e sono quattro differenti tipi di birra, colorate etichette che spiccano tra le altre proposte del locale. Comincia la degustazione:

“Il luppolo fresco mi regala piacevoli sensazioni sul palato, accompagnando un tagliere di salumi e formaggi. Ogni birra ha una sua storia ed una propria personalità. Tuttavia, tutte insieme rispondono al nome di BSBEERS. “Questi due la sanno lunga”, penso. “Vediamo di capire meglio chi sono e cosa fanno…”.

 

The Perfect Job:

Buongiorno ragazzi, raccontate ai lettori chi siete.

BSBEERS:

Buongiorno a voi! Siamo Davide Bregoli, 32 anni, imprenditore nel campo della rubinetteria e Antonio Zani, 31, dentista. Amici e – da circa due anni -padri dell’idea BSBEERS.

 

The Perfect Job:

Anzitutto complimenti, la birra è buonissima (e tiro l’ennesimo sorso di Kabir, la mia preferita). Ci potete raccontare meglio cos’è BSBEERS?

BSBEERS:

BSBEERS non è solo un brand di birra artigianale made in Italy. BSBEERS è un progetto che vuole portare sulla tavole, nelle spiagge, sulle piste da sci e nei migliori ristoranti quello che noi italiani facciamo meglio: design e saper fare. Oltre, naturalmente, al gusto di una birra artigianale di qualità.

 

The Perfect Job:

Facciamo un passo indietro. Come comincia la vostra avventura?

BSBEERS:

BSBEERS è nata circa due anni fa.

Vorremmo raccontare la storia di due amici che partono dal garage di casa e che diventano Heineken, ma purtroppo (o per fortuna, a dire il vero) non è andata così.

Abbiamo curato con maniacale attenzione ogni particolare, dal vetro della bottiglia alla sua forma, dalle materie prime all’acqua utilizzata: sempre tutto di prima scelta, fin dal primo istante in cui abbiamo deciso di produrre. Prendete le etichette, ad esempio: ognuna è frutto di uno studio approfondito, perché teniamo alla cura di ogni piccolo dettaglio. Nel design ci hanno aiutato Previcini Design e NPCREW. Viviamo in un momento storico in cui non esiste più spazio per improvvisati e “garagisti”: i consumatori sono molto informati e conoscono bene l’offerta del mercato. La birra artigianale ha un costo elevato e solo chi sa esattamente cosa beve è disposto e spendere il doppio di quante pagherebbe una birra industriale.

 

The Perfect Job:

Quanta ricerca c’è dietro i vostri prodotti? Ci raccontate il processo produttivo?

BSBEERS:

La ricerca è la prima cosa, sta alla base di tutto: materie prime, design e vetro sono attentamente testati e studiati a tavolino. Per il processo produttivo ci siamo affidati ad un mastro birraio bresciano della nostra età, ma con una grande esperienza alle spalle. Inizialmente ci siamo divertiti nel creare birre semplici ma accattivanti, arrivando alle nostre prime tre proposte: una bionda (MARLENE), una weiss (HERMANN) ed una dunkel per veri uomini (OTTO). Qualche mese dopo ci siamo cimentati con un esercizio di stile speziato, forte e intenso. È nata così Kabir, la nostra IPA speciale… Per veri supereroi.

 

The Perfect Job:

Oltre ad essere buona, BSBEERS è pure bella. Quanto conta per voi il design di prodotto?

BSBEERS:

Crediamo che quando si parla di made in Italy il design sia una questione importantissima. Non solamente nella moda o nell’arredamento: anche nel food & beverage, il design va curato con maniacale attenzione. Nel mondo siamo conosciuti per questo e l’Italia non conosce medaglie d’argento o di bronzo. Ci piace dire che il design delle nostre bottiglie nasca da un’Italia 2.0, veloce, ironica e affamata di novità. I ragazzi di NPCREW hanno capito immediatamente quello che volevamo e dal primo momento abbiamo trovato il giusto mix tra visone delle cose e velocità nel realizzarle… Oltre ad un pizzico di pazzia e irriverenza che non guastano mai.

 

The Perfect Job:

In quanti siete? Avete dei ruoli ben definiti nel team?

BSBEERS:

Per il momento siamo in cinque. Io (Davide, ndr) e Antonio seguiamo la direzione. Il nostro mastro birraio ci sopporta e produce le migliori birre di Brescia. Giorgio fa le consegne a ristoranti e a domicilio, mentre Giovanni cura la parte contabile.

 

The Perfect Job:

Il mondo dei birrifici è un mondo di puristi (pure un po’ fighetti)… Come vi ponete rispetto al vostro target?

BSBEERS:

I puristi sono benvenuti e rispettatissimi. Le nostre birre vengono apprezzate nei ristoranti più spigolosi ed esigenti. Detto questo, il nostro pubblico è sicuramente più ampio: le nostre birre non presentano scomodi e articolati eccessi di sapori e profumazioni. Non amiamo birre troppo complesse, che paiono imbevibili ai più. BSBEERS è nata per dare al consumatore ottime birre con cura artigianale.

 

The Perfect Job:

Tiratevela un po’ ora… Risultati raggiunti?

BSBEERS:

Abbiamo ricevuto parecchie pacche sulla spalla da chef importanti e apprezzatissimi: da Simone Padoan dei Tigli a Michele Bontempi della Dispensa di San Felice, dai ragazzi di Bep’s di Desenzano a Claudio Mombelli della Salumeria di Brescia. Inoltre, le nostre birre verranno apprezzate a breve a Singapore e a Miami. Tuttavia, il miglior risultato è quello di potersi sedere al tavolo con i propri migliori amici e poter ordinare la propria birra. E non lo diciamo per raccontare una favola… Guarda l’atmosfera che si è creata ora, degustando i nostri prodotti seduti comodi al bar: noi viviamo per questa magia. (The Perfect Job conferma, ndr).

 

 

The Perfect Job:

Che rapporto avete con internet e social media? E col made in Italy?

BSBEERS:

Ignorare l’importanza dei social media è da pazzi scatenati ed autolesionisti. Per noi Facebook e Instagram sono molto importanti: è il modo che abbiamo per raggiungere consumatori e ristoratori.

Il made in Italy, come dicevo prima, è il motore che ha mosso tutto il progetto BSBEERS: crediamo ancora nel nostro paese e siamo stufi di pensare che la terra promessa sia sempre a qualche ora di volo da qui. I migliori promotori dei nostri prodotti sono i ristoratori che hanno creduto in noi e che hanno sposato la causa.

 

The Perfect Job:

Come distribuite i vostri prodotti?

BSBEERS:

Non abbiamo ancora distributori: per ora siamo fedeli al porta-a-porta, che facciamo grazie al nostro furgoncino BSB.

 

The Perfect Job:

Aspettative ed anticipazioni per il 2015?

BSBEERS:

Vendita on-line, nuovo sito internet, prima fornitura all’estero e… CAFFÈ? Può bastare?

 

 

The Perfect Job:

Ok, vi siete meritati un piccolo spot… Dove troviamo la vostra birra?

BSBEERS:

Le nostre birre sono nei migliori bar e ristoranti di Brescia e provincia: Bep’s a Desenzano, Elitè Cafè e Arnold’s a Brescia, La Bersagliera in corso Magenta, La Dispensa di San Felice e in tutti i Pabo’s. Poi, sempre a Brescia, siamo al Classico di Michele Bontempi, mentre a Mompiano siamo da Agerolese e Nuova Santa Lucia, per citarne alcuni.

Inoltre, abbiamo un servizio che porta le birre direttamente sul divano dei nostri clienti: basta chiamare il 347 0018713.

 

The Perfect Job:

S è fatto tardi e le bottiglie giacciono ormai vuote sul nostro tavolino. La piacevole chiacchierata è giunta al termine, purtroppo. Salutate i lettori?

BSBEERS:

Certo! Grazie per la lettura e…

BEVETE BSBEERS RESPONSABILMENTE.

 

Scritto da Michele Pagani
Michele Pagani è consulente di digital strategy, business development e web marketing. Ex research assistant presso l'Università Bocconi di Milano, vanta una profonda conoscenza del mondo digital. Ha all'attivo il lancio di due startup ed è cofondatore della web agency NPCREW.

Lascia Un Commento